giovedì 14 gennaio 2010

I dispetti del tempo!

Reazioni: 

Ciao a tutti cari amici. Questo è il primo post del nuovo anno. Un po’ in ritardo in realtà, lo so, ma ci sono sempre degli imprevisti che fanno andare le cose diversamente da come avremmo voluto. Mi ero prefissato di passare le festività natalizie a scrivere, per portare avanti il mio nuovo romanzo, ma nulla è andato come mi ero prefissato. Forse per la prima volta da tanti anni, ho passato le vacanze natalizie a riposare. Ho dedicato tutto il mio tempo, a chi mi sta vicino. Non vi erano più regole se non quella di lasciare l’orologio nel cassetto, perché il tempo e le ore le decidevo io. Così è capitato spesso di svegliarmi all’una del pomeriggio, o di pranzare alle quattro, o di incominciare a cenare a mezzanotte. Noncurante di cosa dicevano le due lancette, chiuse nel buio a rincorrersi per nessuno. La cosa buffa è che il tempo è volato. Nonostante decisi di non fare nulla nelle vacanze, non ho avuto neanche il tempo per fare nulla! Ma perché allora ci sono giornate interminabili, quando l’unica cosa che desideriamo è che finiscano in fretta? E perché quando non desideriamo altro che il tempo si fermi, questo corre dispettoso? Che cos’è che riesce a drogare il fattore tempo, facendogli perdere il suo valore scientifico? Che cosa ne pensate ?

A presto.

Giovanni

Nessun commento: