domenica 31 gennaio 2010

"Una goccia... di gioia" Garry MCCoy è il pilota FB Corse che porterà l'iniziativa per la donazione del sangue in tutto il mondo.

Reazioni: 

Eccoci cari amici.
Sono passati un pò di giorni dall'ultima volta che vi ho scritti. Giorni in qui stiamo definendo tutto al meglio per l'inizio del mondiale MotoGp. Oggi finalmente posso dirvi che il grande Garry MCCoy, il maestro delle derapate, sarà il pilota ufficiale che avrà il compito di portare nei circuiti di tutto il mondo l'iniziativa per la sensibilizzazione sulla donazione del sangue "Una goccia.. di gioia".
Garry sarà l'ambasciatore per tutto il 2010 di questo importante messaggio che vuole raggiungere tutti gli appassionati motociclisti. Adesso gas aperto, perchè questo è solo l'inizio di un anno impegnativo.

A presto con tante altre novità.
Giovanni







sabato 23 gennaio 2010

"Una pietra di burro", ho premuto il tasto "Canc"

Reazioni: 
Sabato uggioso. Sono a casa con il pc rivolto verso la finestra e ho deciso di aprire il file “Una pietra di burro”, fare “seleziona tutto”, e di premere il tasto “canc”. In un attimo le mie pagine sono state spazzate via. E mi sono fermato a riflettere su quanto sia facile cancellare tutto per ritornare ad avere un foglio bianco. Perché l’ho fatto? Perché con il prossimo libro voglio stupirvi. E mi sono venute in mente delle tematiche forti da voler affrontare. Ho deciso di mettermi in gioco con un libro “difficile”. Quindi non darò la voce alla mano di un pianista, ma darò voce alla mano di un uomo sconosciuto, che è stata trapiantata nel corpo del pianista. Il trapianto degli organi, una magia della medicina moderna, quali risvolti ha nella psiche umana? Vivere con una parte del corpo che non è tua, è veramente così facile? Scrivetemi tutti le vostre opinioni!

Ma questa mattina, rifletto anche sulla facilità di premere il tasto “canc” e mi chiedevo, come mai non è così facile da premere nella nostra vita per cancellare le esperienze passate? Perché spesso facciamo cadere nel nostro presente ombre e dubbi del nostro passato? Perché siamo impossibilitati a vivere ciò che la vita ci regala, ma facciamo in modo che il passato interferisca in modo invadente? Questo sarà “Una pietra di burro”.

Incomincio subito a scrivere …

Ciao amici.


lunedì 18 gennaio 2010

MotoGp 2010: Un Libro racconterà la FB Corse.

Reazioni: 

Ci siamo quasi. Manca poco tempo e l’avventura motoGp con il team FB Corse, accenderà ufficialmente il semaforo verde. Ho adrenalina ed entusiasmo da vendere. Questo per me rappresenta la realizzazione di un grande sogno, che mi vergognavo persino a raccontare. Ma sono riuscito a realizzarlo. L’idea di far parte di un team della MotoGp mi gasa da matti, e non vedo l’ora di vedermi vestito con la divisa ufficiale! Di cosa mi occuperò nel team? Me lo state chiedendo in tanti. Il mio ruolo nel team sarà “responsabile iniziative e comunicazione”. Fondamentalmente mi occuperò, in prima battuta, di portare avanti il progetto “Una goccia di gioia”, con una grande campagna di comunicazione sull’importanza della donazione del sangue, mi occuperò di tenere aggiornati tutti gli appassionati scrivendo aneddoti e curiosità sul sito ufficiale www.FBcorse.it , mi occuperò di individuare nuovi strumenti di comunicazione durante il campionato, e cercherò di farvi entrare all’interno di questa avventura per fondervi insieme ad essa. Cercheremo di organizzare eventi, vi inviterò a fare dei sondaggi e magari per qualcuno vi sarà la possibilità di venire nei nostri box a guardare una gara. Non solo, seguirò il team anche per scrivere il primo libro diario del team FB Corse. Un libro unico, speciale per me, perché sarà il mio primo libro cronaca. Dedicato a tutti gli appassionati di motociclismo, ma non solo. Dedicato a tutti quelli che inseguono sogni, ma non solo. Dedicato a tutti quelli che credono che la meta sia lontana, e a tutti quelli che sono convinti di raggiungerla. Un libro per non dimenticare, un libro per lasciare scritto nella storia l’impresa del team FB Corse, che lancia il suo guanto di sfida ai più grandi colossi motociclistici del mondo. Tutti, in questo, libro verranno menzionati. Tutti avranno avuto un ruolo importante, perché in FB Corse, la passione e lo spirito di squadra è la prima prerogativa che deve essere presente nel curriculum. Una fusione di persone, (matte), che amano la sfida, che cercano l’impossibile per levargli di dosso quell’ “im” che tanto non piace. Tutti gli sponsor e i partner, avranno il loro spazio perché chi lavora con noi, lo fa con lo scopo di scrivere pagine importanti del motor sport. Perché noi tentiamo nella realizzazione di un’impresa, Andrea Ferrari ci crede, e tutti intorno a lui ci credono, spinti dall’entusiasmo del suo giovane spirito. Avrebbe potuto fare mille cose, ma l’incoscienza di un suo sogno, l’ha spinto a osare. E solo questo, merita un plauso. Inviterò tutti voi a trovare il titolo del libro, inviterò tutti voi a disegnare la propria copertina preferita. Inviterò tutti voi a leggere il libro che racconterà tutti gli aneddoti della moto. Già la Moto, perché sarà lei, la vera protagonista, perché voi che mi conoscete, non avreste mai pensato che avrei scritto un libro “normale”. Ed sarà così, infatti. Ho dato voce a un cuore, ho dato voce ad una lacrima, sto dando voce ad una mano… darò voce a “lei”, la moto, e sarà lei a raccontarvi la nostra passione.

Giovanni Blandina

giovedì 14 gennaio 2010

FB Corse: Presentazione posticipata.

Reazioni: 


Ciao cari amici.

Vi scrivo per informarvi che la presentazione del team FB Corse non si terrà più il giorno 21 Gennaio, presso gli studi di Radio Virgin, ma è stata posticipata ai primi giorni del mese di Febbraio. Vi terrò aggiornati sulla nuova data.

Un caro saluto e a presto con gli aggiornamenti
Giovanni

I dispetti del tempo!

Reazioni: 

Ciao a tutti cari amici. Questo è il primo post del nuovo anno. Un po’ in ritardo in realtà, lo so, ma ci sono sempre degli imprevisti che fanno andare le cose diversamente da come avremmo voluto. Mi ero prefissato di passare le festività natalizie a scrivere, per portare avanti il mio nuovo romanzo, ma nulla è andato come mi ero prefissato. Forse per la prima volta da tanti anni, ho passato le vacanze natalizie a riposare. Ho dedicato tutto il mio tempo, a chi mi sta vicino. Non vi erano più regole se non quella di lasciare l’orologio nel cassetto, perché il tempo e le ore le decidevo io. Così è capitato spesso di svegliarmi all’una del pomeriggio, o di pranzare alle quattro, o di incominciare a cenare a mezzanotte. Noncurante di cosa dicevano le due lancette, chiuse nel buio a rincorrersi per nessuno. La cosa buffa è che il tempo è volato. Nonostante decisi di non fare nulla nelle vacanze, non ho avuto neanche il tempo per fare nulla! Ma perché allora ci sono giornate interminabili, quando l’unica cosa che desideriamo è che finiscano in fretta? E perché quando non desideriamo altro che il tempo si fermi, questo corre dispettoso? Che cos’è che riesce a drogare il fattore tempo, facendogli perdere il suo valore scientifico? Che cosa ne pensate ?

A presto.

Giovanni